Gestire il pensiero magico e superstizioso del DOC

Gestire il pensiero magico e superstizioso del DOC

Il pensiero magico, al quale ho dedicato un articolo di approfondimento, può essere un tipo di ossessione tipica del DOC.

Esso può essere particolarmente angosciante da inficiare il benessere di una persona e richiedere un trattamento professionale mirato per favorirne la remissione sintomatologica.
Vi sono, però, alcuni accorgimenti che possono essere messi in atto per cercare di ridurne l’impatto nella vita quotidiana.

Scopriamoli insieme.

  • I pensieri non sono fatti

I pensieri sono rappresentazioni mentali che si sviluppano a partire dalle relazioni tra informazioni codificate in memoria. Per quanto molte di esse possano sembrare “concrete”, rimangono sempre costruzioni che fluttuano nella mente.
Questo vale tanto per concetti molto solidi quanto per concetti astratti. I pensieri rimangono pensieri, i fatti rimangono fatti. Ed i pensieri non sono fatti.

Si può assistere ad un gatto che giocando fa cadere un bicchiere rompendolo: questo è un fatto, pensare che il gatto ha rotto il bicchiere è un pensiero.
La matematica ci dice che 1+1 è uguale a 2: questo è un fatto, ma pensare che 1+1 è 2 rimane un pensiero.

Questo presupposto vale ancor di più per altre forme di pensiero che l’uomo genera quotidianamente. Si pensi alle ipotesi, alle previsioni, alle fantasticherie, alle preoccupazioni, ai giudizi.
Siamo capaci e liberi di pensare a qualsiasi cosa, anche illogica. Ad esempio 1+1 non è uguale a 3, ma nulla impedisce di pensarlo.
Pensare di vincere milioni di euro giocando al superenalotto è una fantasticheria, ma è possibile pensarlo e la si riconosce come una fantasticheria, come appunto solo un pensiero.

Perché, allora, quando si è spaventati che possa accadere qualcosa di catastrofico lo si considera vero?

Un modo per affrontare le ossessioni angoscianti è ricordare a se stessi che i propri pensieri non sono fatti confermati. Si può pensare ad una potenziale catastrofe, ma questo non la rende reale o più probabile. Esattamente come pensando ad una vittoria milionaria, questo non la rende automaticamente vera o più probabile.
Proviamo, allora, a creare pensieri che sappiamo essere improbabili o che percepiamo come solo pensieri ed esercitiamoci a farlo anche con le proprie preoccupazioni.

Diciamo a noi stessi: sono pensieri. Non sono fatti.

  • Alleggerire la responsabilità

Una caratteristica del DOC è il senso di colpa, il sentirsi responsabili di quello che di brutto può accadere a se stessi o agli altri.

La tendenza a ricercare una responsabilità, a comprendere le cause di circostanze avverse, è una tendenza normale nell’uomo. L’evoluzione ha permesso che il cervello umano sviluppasse la capacità di costruire nessi causali tra gli eventi, permettendo l’adattamento e il superamento dei problemi.
Purtroppo, però, questa capacità non viene sempre utilizzata solo nelle condizioni e nei momenti opportuni, ma può essere generalizzata a qualsiasi situazione, anche a quelle che obiettivamente non si possono controllare.

Questo accade molto facilmente nel DOC, ove il senso di responsabilità è accentuato ed esteso alle proprie azioni e pensieri, anche quando questi non hanno alcun coinvolgimento in ciò che accade.
Viene trascurato totalmente il ruolo del caso o minimizzato il ruolo di variabili esterne a se stessi.

Diventa importante, allora, riconoscere che gli eventi non accadono tutti per colpa di qualcuno, ma possono verificarsi per caso.
Sarebbe utile incoraggiarsi ad accettare la mancanza di responsabilità, comprendere che non si può controllare tutto, non si può prevedere ogni cosa, non sempre è colpa di se stessi o di altri.
Si può essere coinvolti in un evento, ma questo non significata necessariamente esserne i responsabili.

Ricordiamo: non è colpa mia, non posso controllarlo.

  • Sostituire  i rituali con attività che si possono controllare

Nel DOC sono presenti rituali e condotte di evitamento volti a ridurre l’angoscia o prevenire il danno.
Essi, nel tempo, possono diventare sempre più frequenti, estesi ed estenuanti da occupare quasi totalmente la giornata di una persona, privandola di esperienze gratificanti o utili alla propria realizzazione: si smette di uscire, si abbandonano hobby, si evitano occasioni di crescita personale o professionale, si trascura la propria famiglia, si deteriorano rapporti di amicizia ed altro ancora perché incatenati alle ossessioni ed ai rituali.

Un utile esercizio è quello di identificare e soffermarsi su quello che si può controllare, pianificando la giornata con obiettivi pratici e realizzabili.

Si può partire dalla definizione di obiettivi a brevissimo termine per poi passare ad obiettivi più a lungo termine, identificando e organizzando i corretti piani di azione per raggiungerli (pulizie di casa, preparazione dei pasti, esercizio fisico, lettura di un articolo o di un libro, svolgimento di un compito di lavoro, ecc).
Avere obiettivi da raggiungere sulla base di azioni chiare e concrete aiuta a tenere la mente concentrata su ciò che si può davvero controllare, e renderla meno occupata da ossessioni e rituali.

E’ bene precisare che questo esercizio non serve a risolvere definitivamente i sintomi del DOC, ma è un aiuto per rinforzare il senso di padronanza sulla vita di ogni giorno, facilitando l’accettazione di ciò che va al di fuori del proprio controllo.

  • Nutrire lo scetticismo

Avere un atteggiamento mentale scettico significa sospendere giudizi, conclusioni e previsioni che si danno per scontate senza avere dati attendibili che le sostengano.

In una ricerca, il pensiero magico del DOC è stato trattato facendo leggere ai pazienti materiale superstizioso che non era collegato con le loro credenze superstiziose ossessive.
E’ stato dato loro il compito di riflettere su tutti i motivi per cui non credevano al materiale che gli veniva presentato e poi ne discutevano con il terapeuta. Dopo otto sessioni, i sintomi complessivi del DOC risultavano significativamente ridotti, anche il loro personale pensiero magico.

Un piccolo esercizio che si può riproporre autonomamente è quello di partire da una superstizione semplice a cui già non si crede, ad esempio evitare di passare sotto una scala, di attraversare la strada dopo aver visto un gatto nero o leggere materiale di astrologia.
Il secondo passo è soffermarsi sul perché non si da credito a questi contenuti magici. In questo modo si favorisce un ragionamento scettico che va poi generalizzato anche alle personali superstizioni cui si crede.

Attenzione: questo esercizio non ha lo scopo di trovare le prove che disconfermino le proprie ossessioni, ma di riconoscere la fallacia del proprio pensiero magico e rinforzare l’idea che si tratta solamente di costruzioni mentali, come detto precedentemente di soli pensieri.

Riflettiamo: se si considera sciocco, illogico ed inutile non attraversare perché è passato un gatto nero, perché allora non dovrebbe esserlo anche la personale convinzione che bisogna pensare in un certo modo per non far accadere qualcosa di brutto?

  • Eseguire la ERP

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato che uno dei trattamenti più efficaci è la cosiddetta ERP, ovvero esposizione con prevenzione della risposta. In sintesi essa consiste nell’esporsi ad una situazione temuta, quindi alle ossessioni, sospendendo ogni forma di compulsione e di evitamento.

Si tratta, però, di una strategia spesso difficile da eseguire in autonomia perché la persona ha troppa paura di esporsi alle situazioni ansiogene e può non essere capace di graduarle e gestire le compulsioni correttamente.
In questo caso sarebbe opportuno eseguirla insieme ad un terapeuta che spieghi, guidi e aiuti la persona durante l’intera procedura.

Dott. Spinelli

Riferimenti:

– Einstein D., Menzies R., St Clare T., Drobny J., Helgadottir F. (2011). The treatment of magical ideation in two individuals with obsessive compulsive disorderThe Cognitive Behaviour Therapist, 4(1), 16–29.

– Bergez C., Ramirez C., Grebe C., Perez I., Viana G., Storch A., Schneider C., (2020). Efficacy of exposure-based cognitive behavioral therapy for youth anxiety and obsessive-compulsive disorder. Clinician’s Guide to Integrated Treatment, 21-37.

Articoli correlati

Il disturbo ossessivo-compulsivo “complicato”: analisi dei fattori aggravanti ed indicazioni terapeutiche

Il disturbo ossessivo-compulsivo “complicato”: analisi dei fattori aggravanti ed indicazioni terapeutiche

Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è una psicopatologia disabilitante che colpisce sia bambini che adulti. Alcuni fattori più specifici ne rendono difficile la cura, ma rimane un disturbo altamente trattabile con conseguenti miglioramenti nella qualità della vita.

Pensieri intrusivi disturbanti e pensieri normali: ci sono differenze?

Pensieri intrusivi disturbanti e pensieri normali: ci sono differenze?

Il pensiero umano, diversamente da quello che si può pensare, non è sempre lineare, logico ed orientato verso uno scopo o un compito. E’ stato dimostrato le intrusioni mentali indesiderate sono presenti nei soggetti sani e sono simili, tanto per forma quanto per contenuto, a quelle presenti nei soggetti clinici.
Quali sono le effettive differenze e perché, anche se così comuni, ci sono persone che soffrono più degli altri?

Le “ossessioni pure”: reale sottocategoria del disturbo ossessivo compulsivo?

Le “ossessioni pure”: reale sottocategoria del disturbo ossessivo compulsivo?

ll disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è diagnosticato come un disturbo d’ansia, infatti una caratteristica principale è la presenza di livelli di ansia molto intensa.
Sul piano diagnostico un individuo con DOC esperisce ossessioni o compulsioni. La presenza della congiunzione “o” fa riferimento alla possibilità che ci siano individui che soffrono di “ossessioni pure”. Ma esistono davvero?

Stress, sviluppo e peggioramento del Disturbo Ossessivo Compulsivo

Stress, sviluppo e peggioramento del Disturbo Ossessivo Compulsivo

Le ricerche dimostrano che lo stress, acuto o cronico, svolge un ruolo significativo nella sviluppo e nel mantenimento dei sintomi del disturbo ossessivo compulsivo.
Scopo di questo articolo è quello di mettere in luce la stretta relazione tra DOC e stress, evidenziando come il suo impatto sui circuiti cerebrali predispone allo sviluppo o al peggioramento dei comportamenti ripetitivi e pensieri intrusivi tipici del disturbo.

Compulsioni nel DOC: perché non si fermano?

Compulsioni nel DOC: perché non si fermano?

Le compulsioni sono comportamenti (o anche atti mentali) rigidi e ripetuti messi in atto per contrastare le ossessioni e alleviare la sofferenza da esse generate. Tuttavia accade che, una volta avviate, le compulsioni diventano nel tempo sempre più difficili da interrompere.
Quali sono i motivi di questa loro persistenza, nonostante la persona, giunta a sfinimento, tenti di bloccarle?

Fermare le ossessioni: suggerimenti

Fermare le ossessioni: suggerimenti

Le ossessioni sono pensieri intrusivi e ricorrenti, immagini o impulsi vissuti come indesiderabili da un individuo che possono interferire con la vita quotidiana. Tuttavia, ci sono delle strategie per cercare di alleviare il peso di quei pensieri nei momenti in cui si crede di non riuscire a trovare un minimo momento di tranquillità mentale.

Ossessioni sul suicidio e pensieri suicidari: quali differenze?

Ossessioni sul suicidio e pensieri suicidari: quali differenze?

Tra le forme di disturbo ossessivo compulsivo (DOC) è presente la paura persistente di arrivare a ferire se stessi sino a togliersi la vita.
Il DOC può essere caratterizzato anche da ossessioni sul suicidio.  Non esiste un nome specifico per questo tipo di DOC, ma è un disagio riscontrato sempre più frequentemente in ambito clinico. Cosa lo differenzia dai veri pensieri suicidari?

Psicoterapia e cambiamenti nel cervello: studi condotti sui disturbi di ansia

Psicoterapia e cambiamenti nel cervello: studi condotti sui disturbi di ansia

La psicoterapia è capace di modificare il cervello! In questo articolo sono presentate ricerche sugli effetti della psicoterapia cognitivo-comportamentale (TCC) sul funzionamento neurobiologico nell’ambito di diversi disturbi psicologici, al fine di evidenziare quanto un trattamento di TCC comporti vere e proprie modificazioni cerebrali, anche similmente agli effetti di una terapia farmacologica.

La “paura di essere gay o lesbica”: il disturbo ossessivo-compulsivo con ossessioni omosessuali

La “paura di essere gay o lesbica”: il disturbo ossessivo-compulsivo con ossessioni omosessuali

Le ossessioni di natura omosessuale costituiscono un sottotipo specifico di sintomi del disturbo ossessivo-compulsivo (DOC): il timore principale abbraccia la possibilità di essere o diventare gay. L’atteggiamento mentale, e l’orientamento terapeutico più funzionale, è considerare tale pensiero ossessivo come un pensiero, ovvero un semplice prodotto della propria mente. Approfondiamo insieme questo concetto.

Non è che sono gay? Le ossessioni omosessuali nel disturbo ossessivo-compulsivo: descrizione, cenni diagnostici e di trattamento

Non è che sono gay? Le ossessioni omosessuali nel disturbo ossessivo-compulsivo: descrizione, cenni diagnostici e di trattamento

L’ansia per l’omosessualità consiste in una paura ossessiva di essere o di poter diventare omosessuale, accompagnata da immagini mentali intrusive e non desiderate di comportamenti omosessuali o, anche, nella paura ossessiva che siano gli altri a ritenerci omosessuali. Questi sintomi possono presentarsi singolarmente o in modo combinato.