Aiutare una persona depressa

Aiutare una persona depressa

La depressione è uno dei disturbi psicologici più diffusi a livello mondiale.
Cogliere i sintomi della depressione non sempre è facile, così come si può incorrere nell’errore opposto di patologizzare una fase di tristezza normale e transitoria.

Sebbene non tutti presentino i medesimi sintomi e con la stessa intensità, si può far caso a dei segnali rivelatori a partire dai quali cercare di approfondire la condizione psicologica di un proprio familiare o di un caro amico.
E’ importante tenere a mente che questi segnali, se presenti, non sono degli indici assoluti e certi di depressione.
Essi vanno interpretati contestualizzandoli al funzionamento che tipicamente caratterizza quella persona.

Per cui ci si può accorgere di alcuni cambiamenti che vanno fuori del suo peculiare modo di essere:

  1. mancato coinvolgimento: perdita di interesse per attività che prima amava o abbandono completo delle stesse;
  2. comunicazione diversa: non cerca o ricerca molto meno scambi comunicativi sia di persona che tramite telefono e chat;
  3. cambiamenti nell’igiene e nel sonno: dorme troppo o troppo poco durante la giornata, non dà più importanza al suo aspetto;
  4. manifestazioni di tristezza e rabbia: si mostra continuamente triste e malinconica, oppure ha frequenti scatti di rabbia e nervosismo anche per piccole cose;
  5. ritiro sociale: esce molto meno o non esce più rispetto ai tempi precedenti, passando molto tempo in casa, evitando attività sociali, feste od uscite precedentemente svolte.

Cosa si può fare se ci si trova dinanzi ad un familiare o un amico che manifesta questi segnali?

Vediamo alcuni consigli da mettere subito in pratica.

  • Usiamo una comunicazione assertiva: non teniamo nascosto l’argomento, ma esprimiamo apertamente al proprio caro le nostre preoccupazioni ed emozioni senza giudicare. Ascoltiamo e forniamo un sostegno incondizionato.
    Ci si può esercitare iniziando le frasi con “sono preoccupato”, “ho notato”, “mi sbaglio se ti dico che…?”, cercando di evitare espressioni che favoriscano un atteggiamento difensivo e di chiusura.
    Stabilire una corretta comunicazione è il primo passo fondamentale.
  • Mostriamo empatia: mettersi nei panni dell’altro per non farlo sentire un peso, provare a capire cosa stia passando e chiedersi come vorremmo che reagissero i nostri cari o amici se stessimo in quella condizione.
    Durante l’interazione cerchiamo di mantenere il contatto visivo, esprimendo comprensione e aiuto: “mi dispiace che tu stia passando tutto questo, io sono qui per te”, “potrei non capire esattamente come ti senti in questo momento, ma voglio aiutarti”.
  • Definiamo i limiti: offrire aiuto ad una persona depressa non significa essere presente in ogni luogo e ogni momento, così come non implica subire comportamenti offensivi ed aggressivi.
    Per cui è importante far capire che ci sono dei momenti più opportuni rispetto ad altri per prestare sostegno, che ci sono anche delle personali esigenze che meritano attenzione e non possono essere trascurate.
    Se vi sono atteggiamenti che feriscono, per quanto si possa comprenderli, è bene comunicare come ci fanno sentire e che non si è disposti a subirli.
    Definire i limiti è, inoltre, importante perché serve a prendersi cura di stessi ed avere le energie pronte nel momento in cui ci dedichiamo alla persona interessata. Se già noi ci sentiamo esausti, il nostro supporto sarà poco utile.
  • Manteniamo la pazienza: il processo di recupero richiede tempo.
    Non abbiamo fretta perché non esiste una rapida soluzione per la depressione. Il rischio di voler vedere dei rapidi cambiamenti può solo determinare frustrazione che si manifesta con rabbia, nervosismo o graduale allontanamento dalla persona che si vuole aiutare.
  • Non illudiamoci: sostenere un proprio caro non significa guarirlo dalla depressione. Se si tratta di disturbo depressivo rimane importante la collaborazione con uno psicoterapeuta e/o psichiatra.
  • Non arrendersi: la persona può rifiutare il nostro aiuto, nonostante ci si è comportati adeguatamente.
    Il rifiuto potrebbe essere una risposta difensiva al fatto che gli altri si sono resi conto del disagio che sta vivendo ed alla consapevolezza che non riesce a venirne fuori. Di fronte al rifiuto cerchiamo di non reagire negativamente, manteniamo il contatto, continuiamo a incoraggiarlo nel chiedere aiuto.

E se sono presenti dei pensieri suicidari?

Se temiamo che il nostro caro familiare o amico possano farsi del male prestiamo attenzione a quello che dice e pensa sul suicidio o forme autolesionistiche, preserviamo la comunicazione in modo che ci sia sempre qualcuno con cui parlare quando sono presenti questi pensieri.
Incoraggiamolo a chiedere un aiuto professionale.

Ricordiamo che la depressione può essere curata e, anche se spesso è necessario l’intervento di una figura competente, tutti noi possiamo comunque contribuire ad offrire un valido sostegno, se fatto nel modo giusto.

Dott. Spinelli

Articoli correlati

La solitudine: un continuum tra il senso di appartenenza ed il sentirsi soli

La solitudine: un continuum tra il senso di appartenenza ed il sentirsi soli

La solitudine è un’esperienza indesiderata che nasce dalla carenza o dall’assenza di relazioni soddisfacenti su di un piano sia quantitativo che qualitativo. Le conseguenze sulla salute psicofisica non vanno sottovalutate. L’essere umano infatti si costruisce e si realizza per mezzo dei legami sociali e si adatta all’ambiente mediante il confronto e la condivisione con gli altri.

Riconoscere e distinguere la depressione e l’apatia

Riconoscere e distinguere la depressione e l’apatia

La depressione e l’apatia sono comuni disturbi neuropsichiatrici, spesso compresenti in diverse sindromi patologiche.
Sono disturbi non semplici da distinguere perché condividono diversi sintomi principali. Tuttavia, l’apatia ha un costrutto specifico che, sulla base di certe caratteristiche cognitive ed emotive, consente di differenziarla dalla depressione. Questo è importante perché consente di orientare in modo più preciso gli strumenti terapeutici ad oggi disponibili.

Gestire l’ansia e la paura ai tempi del Coronavirus

Gestire l’ansia e la paura ai tempi del Coronavirus

La pandemia da Coronavirus sta creando notevoli difficoltà. Molte persone stanno sperimentando stati di ansia e di scoraggiamento per un contesto mai conosciuto sino ad ora.
In questo articolo sono illustrati 10 consigli con cui si auspica di favorire una mitigazione delle tensioni ed una più serena accettazione della realtà.

4 consigli preziosi per promuovere la felicità

4 consigli preziosi per promuovere la felicità

Alex Korb è un neuroscienziato che, sulla base di ricerche scientifiche, ha offerto consigli pratici per affrontare la depressione e promuovere uno stato di benessere. Tra di essi ne propone in particolare quattro con cui attivare una spirale ascendente di felicità nella propria vita.
Quali sono? Conosciamoli e mettiamoli in pratica insieme.

Cosa sarebbe meglio non dire ad una persona depressa?

Cosa sarebbe meglio non dire ad una persona depressa?

Capita spesso che la gente quando si trova in contatto con una persona depressa ha difficoltà a comprenderne il vissuto, cerca di tirarle su il morale con qualche consiglio spronandola a darsi da fare ed a cambiare. Il problema è che la depressione non va confusa con una mancanza di volontà, con la pigrizia o un senso di debolezza transitorio facile da scacciare.

Superare la depressione con l’attivazione comportamentale

Superare la depressione con l’attivazione comportamentale

Diverse ricerche suggeriscono che la componente comportamentale su cui si interviene nel trattamento della depressione, come l’attivazione comportamentale, sia un fattore sufficiente per alleviare i sintomi overt del disturbo (ovvero ritiro sociale, evitamento, passività, inattività) ed utile per modificare le cognizioni pessimistiche e migliorare il funzionamento quotidiano. Vediamo in cosa consiste e come metterla in pratica.

Rifiuto o accettazione: come superare la sofferenza emotiva?

Rifiuto o accettazione: come superare la sofferenza emotiva?

Provare delle emozioni dolorose è senza dubbio un’esperienza spiacevole. Le persone cercano di respingerle in tanti modi, rivolgendosi a tutto ciò che possa aiutare a liberarsi di quei vissuti considerati “intollerabili” con lo scopo di allontanare la sofferenza emotiva. Ma la lotta e il contrasto, invece di rasserenare, aumentano il disagio. Allora, quale atteggiamento adottare?

La regolazione emotiva: un fondamento del benessere psicofisico e sociale

La regolazione emotiva: un fondamento del benessere psicofisico e sociale

La regolazione emotiva fa riferimento a quei processi con cui si modulano le emozioni che proviamo, il come le viviamo ed il come le esprimiamo.
E’ la capacità di regolare i vissuti emotivi attenuandoli, intensificandoli o mantenendoli.
Essa è un requisito fondamentale per il benessere psicofisico e, se deficitario, favorisce lo sviluppo di disturbi psicologici. Come si esprimono i suoi processi ed in cosa consiste la “corretta” regolazione delle emozioni?

Miti e pregiudizi sulla depressione: conoscerli per superarli

Miti e pregiudizi sulla depressione: conoscerli per superarli

La depressione rappresenta una delle più comuni patologie mentali al mondo.
Secondo l’OMS diventerà una delle cause principali di assenteismo dal lavoro e sarà la malattia cronica più diffusa. Tuttavia permangono molti miti e pregiudizi che ostacolano la ricerca di aiuto e l’inizio di un trattamento.
Conoscerli è importante per la corretta gestione della malattia e restituire dignità a chi ne soffre.

Suicidio: cause, trattamento e prevenzione

Suicidio: cause, trattamento e prevenzione

Secondo un recente rapporto mondiale dell’OMS, il suicidio rappresenta una delle principali cause di morte nel mondo. E’ un fenomeno dalla natura complessa le cui cause sono multifattoriali (psicologiche, ambientali, politico-economiche e socio-culturali). La loro conoscenza è fondamentale per cercare di attuare piani complessivi di prevenzione e cura che risultino efficaci.